venerdì 1 giugno 2012

La valigia piena di sogni



Silenzio.
 All'improvviso, dopo il temporale,
 spunta il sole della consapevolezza.
 Nuovi orizzonti e la certezza
di aver trovato la grande via verso
 la destinazione a cui anela 
tutto il mio essere. 
Rispolvero la mia vecchia, cara valigia.
Siamo solo io e lei,
vecchi compagni di viaggio:
una donna qualunque
e la sua valigia piena di sogni.
Non porto via niente con me
sono io l'unica  ricchezza che ho.
 La luce che ho nel cuore mi farà da guida.
Il sorriso di un sogno
 mi aiuterà ad asciugare le lacrime.
Alla luce dell'alba
il cammino e ancora indefinito.
So solamente che il giorno deve arrivare
e la notte buia è alle spalle.
Un fremito scuote le mie ali.
Ho voglia di volare.
G.G.

Giarre  1.06.2012




2 commenti:

  1. Soli con una valigia per mano, gli orizzonti si aprono, le solitudini si rannicchiano in una tasca della valigia, i sogni riemergono e nfondono voglia di conoscere.

    RispondiElimina
  2. Ciao Costantino, che piacere vederti qui!
    Esperienza ricorrente nella mia vita. L'ultima risale all'epoca di questo scritto, due anni fa e mi ha aperto gli orizzonti, cambiato la vita radicalmente.
    Sto revisionando il blog, quindi, ripubblico dei post che avevo oscurato. Se non ho riportato delle modifiche importanti lascio la data originale del post.

    RispondiElimina

Se ti ho fatto sognare...mi farebbe piacere saperlo.

Soledoro

Soledoro