lunedì 11 gennaio 2016

Il pretesto



Il brivido
della scoperta
accompagna
ogni passo
del viaggiatore
La meta è
soltanto
pretesto inventato
dall'anima
per imbrogliare
la mente.

Roma 11 gen 2016

Gabrielle G.



8 commenti:

  1. Arrivo tardi ma spero ancora in tempo per dirti la mia impressione: C'è molta amarezza. La mente si cerca di imbrogliarla solo quando produce cattivi pensieri.
    Era bella ancora Paris?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sorprendi Vincenzo. E mi piace. La mente si imbroglia da sola, spesso. La mente pensa di tenere saldo il commando. ma segue piuttosto l'inconsci moti dell'anima. Di Paris ti racconto in privato.

      Elimina
  2. Un brano breve ma compendioso, in cui si può rinvenire la filosofia che ha caratterizzato molti sommi poeti.
    La parte più straordinaria della vita è la ricerca della meta, non tanto la meta stessa, che in fondo rappresenta la fine dell'avventura.
    Finché c'è codesto inerire - da considerare anche in senso traslato - verso qualcuno o qualcosa, potremo illuderci che la vita non è finita ancora.
    Con i complimenti più affettuosi e sinceri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto molto vero quello che dici Antonio. E risaputo.
      Contemplo, sopratutto, il viaggio interiore.
      Ti ringrazio, un abbraccio caro.

      Elimina
  3. Ciao Gabry,passo per un saluto e mi fai arrovellare la mente perchè l'anima cerca sempre di imbrogliarla.
    Un saluto e complimenti per la nuova foto del profilo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gaetano ^__^
      capita sempre così
      un abbraccio dall'anima

      Elimina

Se ti ho fatto sognare...mi farebbe piacere saperlo.

Soledoro

Soledoro